FUNGHI TRIFOLATI – “VERDURA”


Foto: Laura Zambruno

Beh, ovviamente non sono verdura! Ma potete utilizzarli in sostituzione della verdura, come contorno sano e gustoso.

Ingredienti per 1 Persona

  • A piacere Funghi Champignon
  • I vostri grammi di Olio Extravergine d’Oliva
  • A piacere Aglio (io uso la Pasta d’Aglio così non rimane l’alito cattivo)
  • Pepe e Sale
  • Prezzemolo

Preparazione

Pulire i funghi e tagliarli a fette non troppo sottili (io ad esempio li taglio in 4 spicchi). Soffriggere leggermente l’Aglio nell’Olio E.v.O. senza raggiungere il punto di fumo (quindi attenzione al fuoco, non troppo alto).

Aggiungere i Funghi tagliati e mescolare il tutto, a questo punto coprire la padella con un buon coperchio (magari di vetro che vi consenta di tenere d’occhio la cottura). Mantenere il fuoco medio/basso per evitare che brucino.

Una volta a metà cottura (quando cominciano a scurirsi) aggiungere il Prezzemolo e il Pepe. Solo a fine cottura correggere di Sale (mi raccomando poco!). Ogni tanto mescolate il tutto delicatamente, per evitare che si rompano. Vi accorgerete che sono al termine della cottura assaggiandoli, devono essere diventati morbidi e non gommosi (in genere ci vogliono 15 minuti circa).

Fine! Anche qui una ricetta estremamente semplice ma che potete accoppiare a molti tipi di Secondo, ad esempio: Pollame e Coniglio, Manzo e Vitello, Uova Strapazzate, per i più sperimentatori anche con il Pesce (mi è persino capitato di assaggiare dei piatti a base di Gamberoni e Funghi, stupendomi di quanto stessero bene insieme. Ma qui gioca un ruolo fondamentale la bravura dello Chef).

Alcune indicazioni

Come abbiamo detto non sono Verdura, ma fanno invece parte di un diverso regno tassonomico (cui appartengono anche lieviti e muffe), quello appunto dei Funghi, fondamentale alla vita su questo pianeta. Le varietà commestibili sono molto interessanti dal punto di vista nutrizionale dato che sono ricchi di microelementi (Vitamine e Sali Minerali) sempre utili al benessere dell’organismo.

Apportano poi una quota di calorie trascurabile (15 – 30 kcal all’etto circa) che li rende dietetici.

Hanno anche punti a sfavore legati principalmente al fatto che sono tutti tossici (quelli commestibili lo sono poco, quelli non commestibili lo sono moltissimo) e al fatto che assorbono tutto quello che è contenuto nel terreno dove crescono (prodotti chimici e metalli pesanti compresi).

Quindi le parole chiave sono MODERAZIONE, COTTURA e NO FAI-DA-TE: in pratica non mangiateli spesso e cuoceteli prima di mangiarli. E’ bene anche assicurarsi dell’origine dei Funghi che state mangiando, valutando attentamente il luogo di origine. Ma soprattutto attenzione ad evitare il fai-da-te nella classificazione dei Funghi raccolti a mano, perché è molto facile confonderli e rischiare davvero la vita per una intossicazione da Fungo non commestibile. AFFIDATEVI SOLO AD ESPERTI!

Alla prossima!

Consulta la sezione Menù del Giorno per scoprire tutte le ricette per la tua dieta divise per Categoria.