La circonferenza che ti allunga la “Vita”


Abbiamo calcolato il nostro BMI e ora sappiamo se statisticamente rientriamo nella categoria giusta di peso (“normopeso” = “sei in forma”).

Purtroppo però il dubbio rimane: siamo veramente sicuri di fare le cose nel modo giusto? Non saremo per caso a rischio di Malattie Cardiovascolari (Ipertensione, Infarto, Ictus), Diabete II e Malattie Oncologiche senza saperlo?

Un modo per comprendere meglio il proprio stato di forma è misurare la propria circonferenza della vita. Infatti una circonferenza della vita ampia (anche in presenza di normopeso) è associata ad un maggiore rischio di sviluppare le patologie sopraelencate, causa principale di morte nei paesi occidentali.

Procediamo:

1) Prendere un metro da sarto (di quelli morbidi per capirci).
2) Posizionarsi di fronte allo specchio, con l’addome e il torace scoperti.
3) Posizionare il metro all’altezza della vita, parallelo al pavimento, cercando orientativamente il punto più stretto tra i fianchi e le costole. Se questo non è ben distinguibile, orientarsi con l’ombelico e cercare di mantenere il metro sempre parallelo al pavimento.
4) Evitare di trattenere il fiato e di comprimere i tessuti stringendo troppo il metro. La misura deve avvenire in maniera naturale per essere attendibile.
5) Leggere il risultato.

Ecco le soglie di rischio:

Rischio basso: < 80 cm per le Donne, < 94 cm per gli Uomini
Rischio medio: tra 80 e 88 cm per le Donne, tra 94 e 102 cm per gli Uomini
Rischio elevato: >88 cm per le Donne, >102 cm per gli Uomini

Se fate parte delle categorie di rischio medio o elevato, anche in presenza di un peso considerato statisticamente nella norma, è arrivato il momento di cambiare il vostro stile di vita alla radice. Si potrebbe dire che ridurre il giro vita allunghi la “Vita”.

Contattatemi per aiutarvi ad intraprendere questo cambiamento.